TinyDropdown Menu BonBook: Recensione: Fiori senza sole di Virginia C. Andrews

giovedì 31 luglio 2014

Recensione: Fiori senza sole di Virginia C. Andrews

Titolo: Fiori senza sole
Autore: Virginia C. Andrews
Casa Editrice: Sonzogno
Serie: Dollanganger #1
Anno: 1979
Voto:

Trama

Alla morte del marito, Corinne  costretta a ritornare insieme ai suoi quattro figli, Cathy, Chris, Carrie e Cory a casa dei suoi genitori ricchissimi che abitano in una grandiosa villa in campagna. Con enorme sorpresa dei ragazzi, la nonna li accoglie senza un sorriso e li relega all’ultimo piano in una grande stanza, imponendo un regime di vita spietato, vietando ai nipoti di uscire all’aria aperta e perfino di alzare la voce, perchè il nonno, gravemente ammalato, deve ignorarne l’esistenza. Corinne acconsente e implora i figli di ubbidire, adattandosi all’incredibile situazione. C’è sotto una questione di eredità: da diciotto anni essa non vedeva i suoi, ai quali non era stato gradito il suo matrimonio con un consanguineo, e poi il nonno sta per morire e una enorme fortuna andrà in fumo, se lei non si rappacifica con lui. Ma questo esige la pazienza e il silenzio dei ragazzi, che dalla implacabile nonna sono considerati figli del demonio”. Frattanto i ragazzi hanno scoperto un passaggio segreto che sale ad una vastissima soffitta, piena di cianfrusaglie e si ingegnano a passare il tempo.

Cosa ne penso …..

Avete mai avuto quella sensazione che se incominciato quel libro non lo dimenticherete mai più, beh con
“Fiori senza sole” mi è successo, un libro inquietante oscuro pieno di intrecci e passioni di privazioni e che di sicuro non si può di certo dimenticare, penso che finchè vivrò non dimenticherò mai le sensazione che regala, ero sia intimorita di continuare a leggere ma curiosa di scoprire lo svolgimento della trama, devo dire che molto “intelligentemente” lo leggevo di notte e sconsiglio a tutti di farlo, ha avuto gli incubi ma continuamente non smettevo di pensarci.
Devo dire che la prima volta che ho letto la trama (su un Blog molto famoso) ne sono rimasta affascinata soprattutto essendo un libro datato, prima stampa 1979, come ormai avrete capito io adoro i Vintage, e non me lo potevo far scappare, ero però molto restia visto i temi forti che i libro affronta, ma vi spiegherò.
Come può una famiglia perfetta distruggersi? Basta un po’ di egoismo e pazzia e la ricetta è fatta, i Dollanganger sono una famiglia idilliaca, belli biondi e in salute, benestanti e assomigliano tutti a delle bamboline di ceramica, dopo la tragica morte del padre, si scopre che la famiglia viveva al disopra delle sue possibilità e che si trovano con una montagna di debiti, quale è la soluzione migliore? Fuggire, così Cathy, Chris, Carrie e Cory insieme alla loro bellissima mamma, scappano da i parenti di lei, al loro arrivo vengono accolti freddamente da una donna che si definisce loro nonna, ma che di nonna non ha proprio niente, subito i ragazzi vengono separati dalla madre e rinchiusi nell’attico, e quelli che inizialmente erano giorni diventano anni.
I grandi protagonisti del libro sono la sopravvivenza e le relazioni incestuose, se per la prima non mi ha mai creato problemi la seconda mi spaventava un po’, non sono un amate dell’incesto, anche se hanno scritto vari libri sull’argomento, ma perché rinchiudere dei innocenti bambini? La loro adorabile e egoista madre deve nasconderli alla vista del malato nonno, il quale non approverà mai la
progenie del diavolo, come la definisce lui, infatti i piccoli, Cathy, Chris, Carrie e Cory, sono figli di una relazione tra zio e nipote, e vengono continuamente incolpati di questo amore con la peggiore delle punizioni, la reclusione.
Cathy e Chris si vedono costretti a fare da genitori ai piccoli, ma la prolungata prigionia non giova alla salute ne mentale ne fisica, i quattro però si avvicinano sempre di più e troppo in fretta maturano Cathy, voce narrante del libro, è la prima che si accorge del comportamento abominevole della madre, che sempre più spesso dimentica di andarli a trovare campando scuse fasulle e riempiendoli di regali per tenerli buoni, Chris al contrario ha una folle fiducia sul
benestare della mamma, presto capisce però che qualcosa non va, i due che si assumo tutte le responsabilità di genitori, stanno attraversando il periodo dell’adolescenza, pieno di dubbi e insicurezze, ma senza che nessuno li guidi e senza nessuno con cui confrontarsi.
Oltre Cathy, che trovo uno dei personaggi più logici di sempre, non ho mai dubitato del suo pensiero sono sempre stata d’accordo con tutto ciò che esprimeva, ho trovato nei personaggi di Chris e della nonna Olivia, la rivelazione del libro, se nel primo vediamo tutte le fasi del suo turbamento della lotta che infiamma in lui per i sentimenti sempre più sbagliati che prova per la sorella e che cerca di reprimere ma molto spesso esplodono in lui in scene fantastiche oppure come si assume sempre le responsabilità, nella seconda possiamo vedere come l’austerità per le regole e certi principi morali combatto in lei, è un personaggio conflittuale perché si tende a odiare per le azioni che fa, ma in alcune rare scene si vede come lei combatte per non affezionarsi a quei nipoti che sono la progenie del diavolo, invece uno dei personaggi che forse in questo momento si trova all’apice dell’odio supremo per me  è la Madre,
Corinne, io odio l’egoismo, è lei ne è intrisa, anche se la nonna con i suo aspetto da montagna commette azioni discutibili, Corinne con il suo aspetto d’angelo è una vera stronza ( scusate il termine XD) che lascia alla deriva quattro figli.
In poche parole XD un libro che si deve assolutamente leggere, un esperienza inquietante e memorabile, su questa saga hanno basato anche una mini serie molto riuscita, che consiglio di vedere, siccome il libro è tipo introvabile, io per fortuna dopo varie ricerche sono riuscita a scovarlo se siete interessati lasciate un commento con l’email e io sarò lieta di passare l’Ebook, spero vi immergerete in questa incestuosa famiaglia!!


Serie Dollanganger
 
Fiori senza sole
Petali di tenebra
If there be thorns
Seed of Yesterday
(prequel) Garden of shadows

Link della serie tv sub ita

Flowers in the Attic


Petals in the Wind


Autrice


Virginia Cleo Andrews, figlia di William Henry Andrews e Lilian Lilnora Parker, spese la sua infanzia in Porthsmouth, Virginia, e visse a Rochester, New York, la sua adolescenza. La famiglia tornò a Porthsmouth negli anni ’40. Da adolescente cadde dalle scale a scuola e spezzò la spina dorsale. Coraggiosamente resistette al dolore di quegli anni. Artriti ed una fallita operazione chirurgica alla colonna vertebrale la costrinsero su sedia a rotelle e grucce per molto tempo. Scrittrice prematura, vinse un premio per una parodia iscritta ad un concorso scolastico. Dopo gli studi seguì un corso di arte per corrispondenza. Frustrata dalla mancanza di soddisfazione creativa che il suo lavoro prevedeva, Virginia cercò di rilasciare la sua vena creativa attraverso la scrittura, che fece in segreto. Il suo primo manoscritto autobiografico era così dettagliato che lo distrusse in modo da mantenere segreta la sua vita privata. I suoi racconti trattano principalmente temi di disagio sociale e familiare visti in chiave goth e horror. Nel 1979 ha scritto il romanzo Fiori nell'attico, una controversa storia di incesti e abusi sessuali, ambientato nella Pennsylvania degli anni cinquanta. Protagonista la famiglia Dollanganger e i suoi quattro figli, chiamati Dresden Dolls per le loro delicate sembianze da bambole di porcellana. Fu una scrittrice di successo, con milioni di copie stampate in tutto il mondo. Nel 1986, all'età di 63 anni, è morta per un tumore al seno. Venne seppellita nel cimitero Olive Branch, in Portsmouth.

13 commenti:

  1. Io ho scoperto i libri grazie al trailer del secondo film! Ma non li ho ancora iniziati, però la tua recensione mi ha messo ancora più curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda la consiglio vivamente =)=)

      Elimina
  2. dove posso trovare l'ebook?

    RispondiElimina
  3. ciao! complimenti per la recensione! sono una fan sfegatata di questa serie, che ho letto anni fa in lingua originale non sapendo che fosse stata tradotta in italiano XD tu avresti per caso il file pdf da scaricare? sarei curiosa di rileggerlo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Dove posso trovare e book?

    RispondiElimina
  5. deborah.paci@libero.it mail mia

    RispondiElimina
  6. Ciao! Passeresti il pdf anche a me? Sono diventata curiosissima dopo la tua recensione! Grazie!

    Rosyci66@hotmail.it

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Ciao! Qualcuno riesce a passarmi il pdf?
    Io non lo trovo da nessuna parte :'(
    flaviasala@hotmail.it

    RispondiElimina
  9. Buonasera...questa è la mia email Elisabetta.caponi@alice.it ...mi piacerebbe tantissimo ricevere l'ebook!,

    RispondiElimina
  10. Buonasera. La mia email è guelfisimone@gmail.com mi piacerebbe molto poterlo leggere

    RispondiElimina